113139650437248933

Iraq. Rainews24: l’esercito degli Stati Uniti ha usato fosforo bianco a Fallujah nel 2004:
“L’esercito degli Stati Uniti ha usato il fosforo bianco durante l’attacco a Fallujah del novembre del 2004. L’agente chimico, contrariamente a quanto affermato dal Dipartimento di Stato in una nota del 9 dicembre 2004, non e’ stato usato, secondo gli usi consentiti, per illuminare le postazioni nemiche, ma e’ stato usato indiscriminatamente sui quartieri della citta’. E’ quanto emerge da un’inchiesta di Rainews 24, realizzata da Sigfrido Ranucci, in onda domani alle 7,35, nella quale, con testimonianze di ex militari americani, vengono mostrati anche documenti filmati del bombardamento al fosforo, e quelli altamente drammatici che ne riprendono gli effetti, oltre che sugli insorgenti iracheni , anche su civili, donne e bambini di Fallujah, alcuni dei quali sorpresi nel sonno. Ascoltiamo un brano dell’intervista a un ex militare americano.”

(Via rainews24.)

113033897230019952

Those old hustlers of theatre actors

Reuters.com
 

“DUBLIN (Reuters) – Rehearsals for an Irish opera met with an unusual hitch after customs officers seized cocaine from a truck delivering theatrical sets to a Dublin theater preparing to stage one of opera’s finest works.
The head of Opera Ireland said customs found the 6 kg (13 lb) of drugs — worth over half a million euros — while checking a shipment of sets and costumes en route from Germany to Ireland”

112914099630770089

Tutti con tutti contro tutti

L’autunno è caldo per le grandy company dell’informatica come un tempo lo era per i metalmeccanici. Uno tsunami di accordi e fusioni sugli strumenti chiave della digital life.
Ha iniziato Google che, tra le sue infinite attività (tipo) adesso si è messa a fare seriamnete la concorrenza alla Micro$oft alleandosi con Sun microsystem nello sviluppo di Star/Open Office (anche se Google per il momento si dovrebbe occupare della distribuzione, conoscendo il loro entusiasmo per il parsing probabilmente già pensano ad una ricerca di parole chive direttamente nei documenti degli utenti) del più grande progetto di office suite software alternativo a quella schifezza di MicrozzozOffice.

Quel matrimonio tra Google e Sun un attacco ai padroni del software: “Quel matrimonio tra Google e Sun un attacco ai padroni del software”
(Via Repubblica.it > Homepage.)

I padroni del software hanno risposto subito duro, andando a colpire Google nel suo tentativo di inserirsi nel mercato degli InstantMessenger (che da un paio di anni è in gran fermento) col suo GoogleTalk.

News: Microsoft and Yahoo to link IM networks: “Microsoft and Yahoo will make their respective IM networks partly interoperable by Q2 2006.”
(Via MacCentral.)

Certo che con due community come MSN e YAHOO sarà difficile per GTalk affermarsi come standard, anche perchè la sua diffusione è legata principalmente al servizio GMail che però è ancora in beta (come del resto il 90{09232ba4466262c09468f7d852b7fafa1f86d58f2a24d8e9ecb8fa3a8aa2e844} dei progetti targati Google – in realtà perchè fa molto figo sentirsi sviluppatori per due 1 2 che ancora si sentono dei teen-ager dell’informatica).

La mazzata finale è arrivata col video, non tanto come risposta al servizio GoogleVideo quanto a tutti gli altri player (doppiosenso involontario) del media più hot del momento. Il webvideo.

Microsoft e Real insieme per Windows: “L’epilogo di una fiera, dura e spietata competizione e’ stato annunciato nelle scorse ore: risolti i problemi del passato con 761 milioni di dollari, il presente e il futuro parlano di strette alleanze”
(Via Punto Informatico.)

Un accordo che adesso lascia la sola Quicktime (di Apple) come standerd alternativo per la visione di video sul web. Anche se sta crescendo l’interesse per le potenzialità del formato video flv, nativo di Flash di Macromedia, la quale a sua volta è stata comprata lo scorso aprile da Adobe, da sempre vicina alla csa di Cupertino, il che potrebbe portare nel tempo ad una controffensiva a colpi di Quicktime che esporta flv…

Oltre ogni etica

A Pavia – ridente cittadina della Lumbardia – esiste, presso l’Almo Colleggio Borromeo, una Scuola di Etica.
Il primo obbiettivo di questa nobile istituzione è:

  • “cercare di rispondere in prima persona, consapevolmente, alle domande sempre più frequenti sollevate sia dai continui cambiamenti sociali, economici, politici, sia dallo sviluppo scientifico, tecnologico e tecnico del mondo;

Visto che l’economia va in malora, soprattutto a causa dei molti tronfi, ingordi e arroganti burocratimmobiliarispeculatori che infestano il nostro paese, la Scuola di Etica pavese ha sentito la necessità di incorporare nella sua dirigenza un luminare dell’integrità morale che potesse fungere da baluardo contro il marciume dell’inciuciaggine dilagante.

Per questo (ma forse anche per altro) motivo il Presidente Onorario è il Prof. Antonio Fazio.

Sommelier Sauvage


somelier
Originally uploaded by murpy.

La mia amica Selvaggia, grande esperta di vini, mentre mi introduce al patrimonio enologico dell’oltrepo all’enoteca “L’uva Rara” a Casteggio (PV).

citybike


citybike
Originally uploaded by murpy.

una mattina tornavo da non so dove e ho dovuto aspettare alla stazione di milano per un paio d’ore. allora sono andato in giro a fare foto lì intorno

Terremoto a ReteA/AllMusic

A quanto pare il passaggio di ReteA/All Music dall’editore Alberto Peruzzo al gruppo L’Espresso si sta facendo sentire.
Dopo il licenziamento, venerdì scorso, di Luca Bernini che ricopriva il ruolo di responsabile dei contenuti, oggi ha lasciato anche il direttore dei programmi Mirko Lagonegro. I due erano legati da stretti rapporti di collaborazione.
Il gruppo L’Espresso aveva comprato il 100 {09232ba4466262c09468f7d852b7fafa1f86d58f2a24d8e9ecb8fa3a8aa2e844} di Rete A per 115 milioni di euro il 22 dicembre 2004.
La fase di transizione da una ditta a conduzione familiare a parte di una grossa holding editoriale sembra dunque in pieno svolgimento. Chi arriverà adesso a dirigere la seconda più importante rete musicale italiana? La strategia del gruppo l’Espresso per Rete A si svilupperà veramente sul digitale terrestre?
Ma soprattutto, sarà un bene per la musica e la TV italiane sempre sotto l’assedio dell’omogenizzazione?!

L’olio del calzo e i virus dei grilli

uhm,
come mi fa gentilmente notare la mia amica sros – Mr Beppe Grillo
smentisce di avere nulla a che fare con il viraltext sull’olio di colza che potete leggere ed ammirare qualche post più indietro. Mi sento come una mailbox infettata da Klez, come un cellulare colpito da Cabir, come un pollo con l’influenza (che mi sembra la metafora più adatta!).

Poveri memi assediati dall’inquinamento semiotico, non so più a chi credere, mi sento smarrito (lost in cyberspace).

Legende metropolitane e dislocazioni identitarie a parte, è circa un mese che alimento la mia regata diesel con olio di colza e va meglio che mai, sono anche riuscito a sfondare la barriera dei 100KMh!!!

Dopo questa notizia coll’olio del calzo ricomincerò a condirci l’insalata di grilli…

Fare Figli


Fred+Sofia
Originally uploaded by murpy.

“Fare figli e’ l’unica cosa vera che ti puo’ capitare” (Fred)
Guardate che faccia che ha: gli si potrebbe quasi credere…